• Decodifica dei test online: urina, sangue, generale e biochimica.
  • Cosa significano i batteri e le inclusioni nell'analisi delle urine?
  • Come capire l'analisi del bambino?
  • Caratteristiche dell'analisi RM
  • Test speciali, ECG e ultrasuoni
  • Tassi di gravidanza e valori di varianza ..
Spiegazione delle analisi

Cistite in gravidanza: sintomi e trattamento

Cos'è?

La cistite è caratterizzata da un processo infiammatorio nella vescica causato da microrganismi. Secondo le statistiche, ogni terza donna in gravidanza ha almeno un episodio di infezioni del tratto urinario - la cistite rappresenta circa il 2%. Nelle donne in gravidanza, può essere acuto o recidivante.

contenuto

Cosa fare se c'è una cistite in gravidanza?

Viene diagnosticata la cistite in gravidanza - cosa dovrei fare? La cosa più importante di ciò che una donna deve sapere è che questa malattia si sviluppa come risultato dell'acquisizione di proprietà patogene da parte di batteri normali che vivono nell'area periuretrale.

Pertanto, è molto importante oltre a trattare uno specialista per osservare le misure igieniche nella zona intima. Dovrebbero essere evitati fondi (sapone, gel), contenenti componenti antibatterici.

Possono diventare un ulteriore fattore che sconvolge la normale relazione tra microrganismi. E questo diventa la ragione, causando "acquisizione" di batteri da proprietà patogene.

Cistite in gravidanza

La cistite è pericolosa durante la gravidanza?

La cistite può predisporre allo sviluppo di complicanze da parte della madre e del sistema fetoplacentare (madre-bambino-placenta). Il rischio materno causato dalla cistite aumenta se:

  • Violazione dell'escrezione di urina dovuta al gonfiore delle pareti della vescica e dell'uretra;
  • C'è urolitiasi;
  • Insufficienza renale;
  • Insufficienza del fegato;
  • Anemia (in particolare cellule falciformi);
  • Diabete mellito;
  • Infezione virale

I rischi di cistite per il feto sono di aumentare la probabilità di alcune complicanze ostetriche:

  • Consegna prematura;
  • Infezione in utero;
  • Arresto e aumento di peso;
  • Esito fatale (in utero o dopo la nascita).

I sintomi della cistite durante la gravidanza

I sintomi della cistite durante la gravidanza

I sintomi della cistite durante la gravidanza sono piuttosto brillanti:

  1. Aumento della minzione e del dolore, raggiungendo il massimo alla fine della minzione;
  2. Dolore sopra il nodulo;
  3. Desideri di urinare, che non sono coronati da successo.

La diagnosi del medico della cistite mette sulla base di uno studio completo dei risultati di un sondaggio di una paziente incinta:

  • Sintomi clinici;
  • Identificazione nell'urina di un numero aumentato di leucociti - più di 10 in 1 campo di ricerca (leucocyturia);
  • Determinazione dei batteri nelle urine;
  • Identificazione dell'ematuria terminale, che può essere osservata in rari casi (presenza di eritrociti immodificati nelle urine della porzione media).

In alcuni casi, la diagnosi viene fatta erroneamente - solo per identificare leucocituria in assenza di sintomi clinici. Questo è sbagliato.

È necessaria una combinazione di segni clinici e di laboratorio di lesione infiammatoria. Inoltre, i leucociti nelle urine in quantità maggiore possono essere il risultato di farli arrivare dal tratto genitale. Pertanto, quando si raccoglie l'urina per l'analisi, si raccomanda di lavare accuratamente e chiudere la vagina con un disco di cotone.

Un importante valore diagnostico è anche lo studio batteriologico, con l'aiuto del quale è possibile stimare il numero di batteri nelle urine. È estremamente necessario se un'ordinaria analisi delle urine rivela solo leucociti e i microrganismi non vengono rilevati. Di solito questo succede se:

  1. La donna incinta stessa iniziò a prendere antibiotici;
  2. L'infezione è causata da microrganismi rari: candida, micobatteri tubercolari, clamidia, virus dell'herpes, ureaplasma;
  3. Vi è una malattia renale non infettiva (nefrite interstiziale, anomalie congenite);
  4. Elmintiasi .

Il titolo diagnostico di batteriuria in cistite è 100 cfu / ml per E. coli e 100 000 per tutti gli altri microrganismi. Questi valori aiutano a distinguere la cistite dall'uretrite, i cui sintomi sono simili. Tuttavia, con l'uretrite, i batteri nelle urine non vengono rilevati in titoli significativi dal punto di vista diagnostico.

Cistite all'inizio della gravidanza

Una donna incinta è predisposta allo sviluppo di un processo infettivo nella vescica. Questa è una conseguenza di diversi meccanismi causali:

  • La piccola lunghezza dell'uretra e il suo grande diametro;
  • La vicinanza dell'uretra al retto, che è un serbatoio naturale di agenti infettivi;
  • Diminuzione del tono della vescica e dello sfintere, causata da elevati livelli di estrogeni e progesterone dovuti alla gestazione;
  • Ristagno di urina, osservato nella seconda metà della gravidanza e associato a un aumento delle dimensioni dell'utero;
  • Diminuzione del tono dello sfintere dell'uretra, che si sviluppa più vicino al termine del travaglio;
  • L'alcalinizzazione delle urine associata ad una maggiore escrezione di bicarbonati attraverso i glomeruli renali;
  • Cambiamento nel funzionamento del sistema immunitario (durante la gravidanza si osserva uno spostamento nel suo lavoro verso l'immunosoppressione, a seguito del quale l'E. coli viene attivato).

Come curare la cistite in gravidanza?

Come trattare la cistite in gravidanza

Il trattamento della cistite durante la gravidanza in termini precoci è effettuato da farmaci antibatterici, tuttavia, nonché in ritardo. La scelta dei mezzi dipende dal particolare agente causale, ma non è sempre possibile effettuare uno studio batteriologico in ciascun caso. Inoltre, si tratta di un'ulteriore perdita di tempo.

Pertanto, nella selezione di un antibiotico, il medico si concentra sui dati epidemiologici esistenti sulla prevalenza di alcuni microrganismi, che sono agenti causali della cistite (questo è chiamato trattamento empirico). Questo elenco in ordine decrescente è il seguente:

  • E. coli (rilevato nell'80% dei casi);
  • Klebsiella (10%);
  • Proteo (5%);
  • Staphylococcus aureus (4%);
  • enterococco (4%);
  • enterobatteri (2%);
  • Morganella (0,8%);
  • candidati (0,8%) e altri.

Uno studio recente ha rilevato che gli antibiotici precedentemente utilizzati per il trattamento della cistite si sono rivelati inefficaci contro E. coli come i patogeni più frequenti - si sono trovati resistenti. Pertanto, in condizioni moderne, le donne in gravidanza non stanno cercando di prescrivere: ampicillina e amoxicillina con acido clavulanico, alcune cefalosporine.

L'antibiotico ideale per il trattamento della cistite dovrebbe accumularsi il più possibile non nelle pareti della vescica, ma nelle urine. Quindi può avere un effetto più lungo sul tessuto. Allo stesso tempo, non dovrebbe essere pericoloso per il feto.

Questi due requisiti sono soddisfatti meglio dai seguenti antibiotici, che dovrebbero essere usati per trattare la cistite nella pratica ostetrica:

  1. Fosfomicina (il suo vantaggio è la sufficienza di una singola dose, tuttavia, è consentito l'uso da 13 settimane).
  2. Aztreonam (corso di trattamento - una settimana).
  3. Alcune cefalosporine di II - 4a generazione (Cefixime e Cefuroxime).

Se sono inefficaci nel secondo trimestre, è possibile utilizzare un farmaco alternativo Nitrofurantoin (Furadonin). La durata della sua amministrazione dovrebbe essere di 7 giorni.

Il farmaco non può essere utilizzato dalla 34 a 35a settimana e in seguito, perché questo può causare lo sviluppo di una malattia emolitica nel feto.

Il trattamento antibatterico viene effettuato in media 1 settimana. Quindi dopo 7-14 giorni viene esaminata l'urina. Se ottieni buoni risultati, non è necessario ripetere i corsi.

Test insoddisfacenti (patogeno trovato) - un secondo ciclo di antibiotici, dopo il quale viene effettuato uno studio batteriologico, che viene ripetuto ogni mese fino al termine del travaglio.

Se, dopo tali eventi, viene rilevato l'agente patogeno, il trattamento secondo uno schema speciale viene eseguito prima della consegna e entro 2 settimane dopo di essi, per timore di un alto rischio di malattia settica.

Piante medicinali nel trattamento della cistite

La terapia medicamentosa della cistite nelle donne in gravidanza è razionalmente integrata dall'assunzione di piante medicinali. Il loro importante vantaggio è la sicurezza. L'applicazione più ragionevole è:

  • uva ursina;
  • rosa canina;
  • salvia;
  • ortica;
  • Erba di San Giovanni;
  • equiseto di campo;
  • camomilla e altri

Puoi usare la preparazione erboristica ufficiale - Kanefron. Ha un effetto complesso sul sistema urinario nelle donne in gravidanza:

  • aumenta la diuresi;
  • allevia lo spasmo;
  • ha un'azione antibatterica;
  • dilata i vasi sanguigni;
  • sopprime la reazione infiammatoria;
  • lotta con i radicali liberi;
  • protegge i reni;
  • Sopprime l'attaccamento di E. coli alle cellule del sistema urinario.

Mantenimento preventivo di una cistite a gravidanza

Nelle donne a rischio, la prevenzione della cistite in gravidanza viene eseguita con il farmaco Kanefron. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo, si consiglia di applicare almeno quattro mesi. Può essere eseguito in modalità continua immediatamente prima del parto o corsi di un mese con interruzioni di 2 settimane.

Prevenire gravi complicanze e un esame tempestivo dei sedimenti urinari durante la gravidanza. Questa analisi è assegnata alle donne prima di ogni visita dal ginecologo.

In caso di rilevamento di deviazioni anche minime, si consiglia di sottoporsi a un controllo di follow-up e, se necessario, somministrare il trattamento.

interessante
2017-02-22 18:10:22
Buon articolo, informativo! Ha dato risposte a molte domande. Rispetto dell'autore!

Le informazioni sono fornite a scopo informativo e di riferimento, un medico professionista dovrebbe prescrivere una diagnosi e prescrivere un trattamento. Non automedicare. | | Contattaci | Pubblicità | © 2018 Medic-Attention.com - Salute online
La copia di materiali è vietata. Sito editoriale - info @ medic-attention.com