• Decodifica dei test online: urina, sangue, generale e biochimica.
  • Cosa significano i batteri e le inclusioni nell'analisi delle urine?
  • Come capire l'analisi del bambino?
  • Caratteristiche dell'analisi RM
  • Test speciali, ECG e ultrasuoni
  • Tassi di gravidanza e valori di varianza ..
Spiegazione delle analisi

Vaccinazione per la rosolia: è necessario vaccinare?

Come è noto, al momento il paziente può accettare volontariamente la vaccinazione contro una particolare malattia o rifiutarla. Sfortunatamente, molti avversari non capiscono l'importanza di questa procedura. Dopo essere stato vaccinato, una persona si protegge da molte gravi infezioni e complicanze che si sviluppano sul loro background. Grande attenzione è stata rivolta alla vaccinazione contro la rosolia. Ci sono molte controversie e miti sulla necessità di vaccinare contro questa malattia. Tuttavia, la maggior parte degli specialisti, nonostante il fatto che il virus stesso non sia pericoloso per la vita del suo "proprietario", sono del parere sulla necessità di una prevenzione specifica.

contenuto

La necessità di prevenzione della rosolia

A proposito di rosolia, probabilmente tutti noi abbiamo sentito fin dall'infanzia. Questa è una malattia acuta diffusa di natura infettiva, con trasmissione aerea da persona a persona, penetrando nel corpo introducendo nelle mucose del tratto respiratorio superiore. Si ritiene che siano principalmente colpiti dai bambini. Ma le statistiche dicono che colpisce allo stesso modo sia i bambini che gli adulti.

Bambino con rosolia

I bambini soffrono di rosolia più facilmente degli adulti

Esiste una patologia di una piccola eruzione papulare rossa, una temperatura corporea moderatamente alta, che raramente supera i 39 gradi e una linfoadenopatia generalizzata, cioè un aumento dei linfonodi in diversi punti del corpo. Di norma, l'infezione scatena epidemie, che si manifestano in grandi collettivi (asili, scuole, caserme e così via). Dopo il trasferimento della malattia, si forma un'immunità abbastanza stabile, che protegge dall'infezione ripetuta. Anche se ci sono casi di infezione una seconda volta, ma questa è più probabilmente un'eccezione.

bambini

La rosolia si diffonde rapidamente in collettivi chiusi (scuole materne, scuole e così via)

Particolarmente pericolosa è l'infezione da rosolia per le donne che portano un bambino, soprattutto nel primo trimestre. Se l'infezione si verifica durante questo periodo, allora si pone la questione dell'aborto, cioè dell'aborto. Ciò è dovuto al fatto che il virus contribuisce alla formazione di gravi anomalie dello sviluppo nel feto e, in periodi successivi, la sua morte è possibile. Se il bambino nasce, è alta probabilità (fino all'85%) di avere la cosiddetta rosolia congenita, manifestata nella triade di anomalie dello sviluppo, cioè cecità (cataratta), sordità e cardiopatia. Pertanto, quando si pianifica una gravidanza, una donna deve prendersi cura di sé e del suo futuro bambino dalla rosolia e le sue conseguenze in anticipo, per le quali ha bisogno di essere vaccinata, se ciò non è già stato fatto. A questo proposito, si pone la questione della vaccinazione obbligatoria e tempestiva delle ragazze.

Donna incinta

La rosolia è particolarmente pericolosa per una donna incinta

Gli esperti devono essere in disaccordo sulla necessità di vaccinare i ragazzi. Alcuni considerano questo un onere aggiuntivo e assolutamente inutile per il corpo, mentre altri dicono che è estremamente necessario. Da un lato, la rosolia stessa è una malattia che si trasmette facilmente nell'infanzia con lo sviluppo di un'immunità persistente dopo il recupero, dall'altra - c'è il pericolo di contaminazione degli altri. Come affermato sopra, la malattia è pericolosa per le donne in gravidanza, o meglio, per un futuro bambino. Ad esempio, la situazione è estremamente indesiderabile quando c'è un bambino non vaccinato nella famiglia (non necessariamente un maschio) che si ammala di rosolia e una bambina incinta (madre, zia, sorella, ecc.) O suo marito (papà, zio, fratello, ecc.) una donna che si trova in una posizione viene infettata da un'infezione.

Il ragazzo viene iniettato nella spalla

Per evitare la rosolia in un ragazzo e l'ulteriore infezione di tutti i membri della famiglia, è consigliabile piantarlo secondo il programma di vaccinazione

L'organismo adulto affronta la malattia molto più duramente: la malattia favorisce lo sviluppo di molte complicanze (artrite, encefalite, trombocitopenia e altre).

Inoltre, va notato che la rosolia ha isolato una quantità insignificante del virus nell'ambiente per cinquanta-sessanta giorni dopo il recupero, in relazione al quale rimane potenzialmente pericoloso per gli altri. Pertanto, per evitare l'infezione di massa, viene posta la domanda sull'importanza della vaccinazione precoce contro l'infezione.

Anche se una persona viene infettata dalla rosolia dopo la vaccinazione, l'infezione procede molto più facilmente (alcuni addirittura non si accorgono che sono malati) e senza lo sviluppo di complicanze.

Elena Malysheva parla di rosolia e vaccino da lei - il video

Vaccinazione in bambini e adulti

La vaccinazione contro la rosolia è inclusa nella Tabella nazionale delle vaccinazioni preventive, che è approvata dall'ordine del Ministero della Sanità della Federazione Russa. La procedura è gratuita per tutte le categorie di cittadini in conformità con il programma di assicurazione sanitaria obbligatoria.

Programma nazionale di immunizzazione

La vaccinazione contro la rosolia è inclusa nel calendario nazionale delle vaccinazioni profilattiche

Secondo il calendario, il vaccino viene somministrato per la prima volta ai bambini all'età di dodici mesi insieme al vaccino contro parotite e morbillo (CCP). A causa del fatto che, dopo tutto, non tutti i bambini sono immunizzati, vengono vaccinati nuovamente (o piuttosto rivaccinati) all'età di sei anni prima di passare dall'asilo a scuola. La seconda rivaccinazione avviene all'età di quattordici anni e colpisce solo le ragazze. Se, per qualche motivo, il vaccino non è stato consegnato, è necessario non ritardarlo e farlo alla prima opportunità conveniente.

Particolare attenzione è rivolta alle ragazze e alle donne in età riproduttiva (dai diciotto ai quarant'anni) che pianificano una gravidanza. Durante il periodo di portamento del bambino, l'immunizzazione è possibile solo fino alla sesta settimana di gestazione. È giunto fino a questo momento che si ritiene che la vaccinazione non avrà un effetto negativo sull'embrione, con l'opposto solo nella metà della percentuale dei casi. Nei restanti periodi di gravidanza, la vaccinazione è strettamente controindicata, poiché un virus indebolito con una corrente sanguigna può penetrare la barriera placentare e colpire il feto.

incinta

Se una donna non ha il tempo di rimanere incinta prima della gravidanza, è consigliabile farlo fino alla sesta settimana di gestazione

Se non ci sono problemi con la salute del bambino o dell'adulto, non è richiesta una preparazione speciale prima della vaccinazione. Tuttavia, ci sono una serie di raccomandazioni che aiutano a ridurre il rischio di reazioni avverse del corpo in risposta all'introduzione del vaccino. Sfortunatamente, in molte istituzioni mediche e preventive questo non è detto ai pazienti. Quindi, cosa devi sapere:

  • Se tendi a reazioni allergiche di vario tipo, dovresti iniziare a prendere antistaminici due o tre giorni prima della vaccinazione. Nei prossimi due o tre giorni, è consigliabile anche il loro uso.
  • Sospendere per 2-5 giorni assumendo farmaci contenenti vitamina D. Il ripristino del trattamento non deve essere effettuato fino al quinto giorno dopo la vaccinazione.
  • Circa dieci giorni prima dell'immunizzazione, le persone che sono spesso malate, sono raccomandate a prendere agenti fortificanti che aiutano a rafforzare le forze immunitarie del corpo.
  • Indesiderato prima dell'inoculazione è un pasto stretto.

Prima della vaccinazione è necessario fare dei test. È necessario un esame del sangue comune per escludere eventuali malattie e un esame del sangue per il titolo anticorpale per la rosolia, se questi non sono stati trovati o sono nella quantità minima, la vaccinazione viene eseguita per intero.

La durata della (protezione) della vaccinazione è individuale per ogni persona. Qualcuno dopo l'introduzione di un vaccino diventa protetto per un lungo periodo, qualcuno deve essere vaccinato secondo il programma. Per scoprire se esiste un'immunità contro la rosolia, è sufficiente passare il test degli anticorpi all'infezione. Se sono presenti, il vaccino non ha ancora completato la sua azione, e se non ci sono - è il momento di farsi vaccinare di nuovo. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda una rivaccinazione ogni dieci anni per una protezione completa contro la malattia.

I bambini di dodici mesi sono inoculati nel peduncolo. In età avanzata, l'iniezione viene eseguita nella regione della spalla.

Esistono due tipi di vaccini contro la rosolia:

  1. monocomponente. Contiene nella sua composizione solo il virus della rosolia, che è stato indebolito dall'esposizione a determinate sostanze chimiche. Nella maggior parte dei casi, tale vaccino viene somministrato in caso di ripetuta rivaccinazione agli adulti.
  2. Ternario. Questo vaccino polivalente contiene tre virus indeboliti: parotite, morbillo e rosolia. Questa vaccinazione è molto più semplice, quasi impercettibile, piuttosto che monocomponente. Viene messo solo per la prima volta all'età di dodici mesi e a sei anni con la rivaccinazione.
Bottiglie e siringhe

Esistono due tipi di vaccino contro la rosolia: monocomponente e tricomponente

Va notato che il vaccino, anche se indebolito, ma vivo. Pertanto, la persona vaccinata ha la rosolia in un grado facile. Non è del tutto corretto dire che è contagioso per gli altri, dal momento che gli esperti non hanno ancora raggiunto una conclusione finale se ciò sia vero o meno. Tuttavia, i medici consigliano di limitare il contatto con lui per cinque giorni, in particolare le donne non vaccinate e non precedentemente malate nella posizione.

Controindicazioni

Come ogni manipolazione, la formulazione di una vaccinazione contro la rosolia ha un numero di controindicazioni relative e assolute.

Le controindicazioni assolute suggeriscono che in nessun caso un bambino o un adulto debbano essere vaccinati contro la rosolia. Questi includono:

  • malattie maligne;
  • sindrome da immunodeficienza;
  • Gravi complicazioni dopo la precedente vaccinazione;
  • gravi manifestazioni allergiche.
Ragazzo con angioedema

In caso di gravi reazioni allergiche al primo inoculo della rosolia, ad esempio, sotto forma di edema di Quincke, si dovrebbe astenersi dal rivaccinare

Le controindicazioni relative sono temporanee. Ciò significa che quando si verificano circostanze favorevoli, la vaccinazione viene eseguita, anche se con una deviazione dal programma. La vaccinazione può essere ritardata:

  • durante la gravidanza;
  • con esacerbazione di processi cronici nel corpo;
  • con malattie infiammatorie, infezioni (sia virali che batteriche);
  • nel periodo della dentizione nei bambini, accompagnato da un aumento della temperatura corporea;
  • durante il trattamento con agenti del gruppo farmacologico di immunosoppressori.
Un uomo con un bicchiere in mano guarda un piatto con le pillole

Nel periodo di temporaneo indebolimento dell'immunità (freddo, esacerbazione di malattie croniche, ecc.) Dovrebbe essere ritardato con l'innesto

Il vaccino viene somministrato due settimane dopo il recupero. Nel caso di malattie croniche - la procedura viene eseguita esclusivamente durante il periodo di remissione, quando le manifestazioni acute della malattia si placano.

Possibili effetti collaterali della vaccinazione

Di regola, durante l'infanzia si verificano reazioni avverse reciproche in risposta all'inoculazione della rosolia. Nella maggior parte dei casi, il bambino non reagisce in alcun modo al vaccino. Gli adulti di solito non notano alcun cambiamento nel loro stato di salute. Tuttavia, tutti dovrebbero sapere quali conseguenze possono verificarsi dopo la vaccinazione. I più comuni sono:

  • arrossamento e condensazione dell'area di iniezione;
  • aumento della temperatura corporea (a volte può raggiungere i quaranta gradi);
  • vertigini;
  • mal di testa;
  • singole manifestazioni di vomito o diarrea;
  • naso che cola;
  • mal di gola e tosse;
  • trombocitopenia (abbassamento dei livelli piastrinici nel sangue);
  • l'aspetto di un'eruzione rossa in alcune parti del corpo;
  • aumento dei linfonodi (principalmente cervicali e parotidei), nonché del loro dolore;
  • sudorazione eccessiva;
  • debolezza generale.

Con una normale risposta immunitaria del corpo, tutte queste manifestazioni scompaiono da sole per tre o quattro giorni. Questa è considerata una reazione normale, che indica la corretta produzione di anticorpi contro la malattia.

Una ragazza con un termometro in bocca applica una bolla ghiaccio-a-testa

Aumento della temperatura corporea - una normale reazione alla vaccinazione

misure precauzionali

Dopo la vaccinazione, devono essere seguite alcune precauzioni per evitare complicazioni:

  • il giorno della vaccinazione, non puoi fare la doccia e fare il bagno al tuo bambino;
  • nei primi giorni (da due a cinque) è indesiderabile essere in posti di una congestione grande di persone (in policlinici da bambini consigliano di guidare un bambino fuori per due giorni);
  • se il bambino va in giardino, se possibile, prova a stare seduto con lui a casa per quattro o cinque giorni;
  • non introdurre nuovi alimenti nella dieta (riguarda sia gli adulti che i bambini), specialmente quelli che possono portare allo sviluppo di una reazione allergica;
  • aumentare l'assunzione di liquido (preferibilmente acqua);
  • gli adulti dovrebbero smettere di assumere bevande alcoliche entro sei o sette giorni.

Il dott. Myasnikov parla della vaccinazione contro il morbillo e la rosolia - il video

Tutti su base volontaria decidono se metterlo inoculato o meno contro un'infezione. Nonostante molte polemiche sulla vaccinazione contro la rosolia, va detto che è importante e necessario. Fu dopo l'introduzione dell'immunizzazione di massa che l'umanità, se non completamente liberata da molte malattie pericolose, ne ridusse significativamente l'aspetto.

interessante

Le informazioni sono fornite a scopo informativo e di riferimento, un medico professionista dovrebbe prescrivere una diagnosi e prescrivere un trattamento. Non automedicare. | | Contattaci | Pubblicità | © 2018 Medic-Attention.com - Salute online
La copia di materiali è vietata. Sito editoriale - info @ medic-attention.com