• Decodifica dei test online: urina, sangue, generale e biochimica.
  • Cosa significano i batteri e le inclusioni nell'analisi delle urine?
  • Come capire l'analisi del bambino?
  • Caratteristiche dell'analisi RM
  • Test speciali, ECG e ultrasuoni
  • Tassi di gravidanza e valori di varianza ..
Spiegazione delle analisi

Tiroidite autoimmune della tiroide: sintomi e trattamento, endonorma

Cos'è?

AIT, una tiroidite autoimmune della ghiandola tiroidea è una delle forme di patologie organospecifiche della genesi autoimmune, caratterizzata da processi infiammatori nella ghiandola tiroidea, che causano infiltrazione linfoide e distruzione dei tessuti follicolari dell'organo.

La malattia ha una storia centenaria ed è stata descritta per la prima volta dal chirurgo giapponese Hashimoto. Successivamente, la patologia cominciò a essere chiamata il suo nome -
"Goiter o tiroidite Hashimoto."

La malattia è principalmente di donne di età matura (45-60 anni), che è dovuta al disturbo del cromosoma X e all'effetto estrogenico sulle cellule del sistema linfoide coinvolto nel meccanismo della risposta immunitaria. In alcuni casi, colpisce i giovani e i bambini. In più del 20%, la tiroidite autoimmune si verifica nelle donne in gravidanza.

Sulle cause e lo sviluppo

Tiroidite autoimmune

La genesi dello sviluppo dell'AIT è causata dall'aggressione fagocitaria dell'immunità ai tessuti tiroidei, percependoli come "agenti" estranei e producendo anticorpi contro di loro. Questo fatto causa processi autoimmuni di infiammazione e distruzione delle cellule del corpo, compresi quelli che producono ormoni.

Questo spiega lo sviluppo di tiroidite autoimmune, ipotiroidismo e tireotossicosi, quando c'è una diminuzione o un aumento della sintesi ormonale. Inoltre, i processi infiammatori autoimmuni nei tessuti della tiroide danno impulso allo sviluppo in essi di neoplasie cistiche e nodali.

La tiroidite autoimmune è attribuita alla divisione di malattie ereditate geneticamente, che è spesso confermata dalla presenza di patologie in parenti prossimi ai parenti del paziente. Ma la predisposizione genetica non è l'unica causa di AIT. Lanciare un malfunzionamento fagocitico e disfunzione ormonale può:

  • patologie frequenti di natura virale e batterica;
  • infezioni otorinolaringoiche croniche;
  • fattori ambientali dannosi che provocano un aumento dell'attività immunitaria;
  • esposizione eccessiva a radiazioni e radiazioni ultraviolette;
  • assunzione prolungata incontrollata di ormoni e droghe contenenti iodio;
  • carenza di iodio nel corpo;
  • periodi di cambiamenti ormonali;
  • insufficienza immunitaria e predisposizione alle allergie
  • interventi chirurgici su ghiandola tiroidea e traumi;
  • patologie nervose e stress.

Tali pazienti sono spesso accompagnati da altre malattie autoimmuni - processi diffusi nella ghiandola tiroidea (malattia di Basedova), sviluppo di paralisi bulbare astenica (miastenia grave), oftalmopatia endocrina di Graves, danno della ghiandola lacrimale e salivare a causa della "sindrome secca" di Shagren, collagenosi (patologia del tessuto connettivo), diffusa proliferazione delle cellule linfoidi (ipofisite linfoide).

contenuto

Sintomi di tiroidite autoimmune da forme

I sintomi della tiroidite autoimmune

L'AIT ha varie varianti, la genesi di tutte le sue specie ha la stessa natura di sviluppo, il tipo di processo infiammatorio asettico che assume gradualmente la forma di ipotiroidismo transitorio. Appare:

  1. La tiroidite cronica autoimmune è una conseguenza dell'aggressività immunitaria fagocitaria, che porta a cambiamenti distruttivi nella ghiandola tiroidea e provoca lo sviluppo di ipotiroidismo.
  2. Tiroidite postpartum, che si sviluppa a causa dell'eccessiva attività di protezione fagocitaria nel periodo della gravidanza. Nelle donne in gravidanza predisposte a disturbi endocrini, questo tipo di patologia può successivamente essere trasformata in tiroidite autoimmune di decorso cronico.
  3. La comparsa di tiroidite indolore (silente) è simile a quella della tiroidite postpartum, ma la genesi non è associata alla gravidanza.
  4. La forma della malattia indotta da citochine si sviluppa in pazienti con terapia a lungo termine con "interferone", con malattie del sangue ed epatite "C".

I segni clinici di anomalie nella ghiandola tiroidea sono determinati dalla forma del flusso di AIT:

  • Ipertrofico, caratterizzato da un aumento uniforme dell'intera ghiandola tiroidea o con segni di formazioni nodulari. Le funzioni della ghiandola non vengono violate o leggermente ridotte. Nel periodo iniziale, la tireotossicosi è possibile. La progressione del processo autoimmune porta ad una diminuzione delle funzioni, un peggioramento della condizione e lo sviluppo di ipotiroidismo.
  • Atrofica, la forma più grave di tiroidite autoimmune, provocata dall'ampio processo di distruzione delle cellule follicolari della ghiandola tiroidea che ne riduce drasticamente le funzioni.

Sintomi della tiroidite autoimmune della tiroide

Sintomi della tiroidite autoimmune della tiroide

La clinica AIT è caratterizzata da un decorso a quattro fasi della malattia: eutiroideo, subclinico, tireotossico e ipotiroideo, che, una volta cambiati, possono durare anni.

Con tiroidite autoimmune, il lento sviluppo dei sintomi è caratteristico. Spesso, il processo patologico può verificarsi in modo asintomatico o con sintomi lievi, che è caratteristico della fase eutiroidea e subclinica. Le cellule SHCHZH sono colpite in modo insignificante e non vi sono particolari disturbi funzionali dell'organo. Questo corso della malattia può durare per decine di anni.

Ci può essere solo un leggero disagio nella zona tiroidea, nella forma di un nodo alla gola, c'è una leggera stanchezza e debolezza, tenerezza nelle articolazioni.

Il principale sintomo della tiroidite autoimmune è la crescita del gozzo colloide. I segni rimanenti riflettono la violazione del processo di sintesi ormonale, la sua riduzione o aumento - ipotiroidismo o ipertiroidismo (tireotossicosi). La clinica di thyrotoxicosis è di solito osservata nei primi anni di sviluppo di patologia.

Con lo sviluppo di processi atrofici nei tessuti tiroidei, si nota che è temporaneo transitorio nella fase eterea, con la successiva transizione alla fase di ipotiroidismo.

Si manifesta un costante aumento del livello ormonale (con tireotossicosi):

  • una leggera condizione subfebrile del corpo;
  • aritmia cardiaca e iperidrosi;
  • dispnea indipendente, senza l'influenza dei carichi;
  • tremore agli arti e perdita di peso;
  • insonnia (insonnia) e nevrosi (isteria, irritabilità).

La fase ipotiroidea dell'AIT è definita finale, a causa della distruzione cellulare della maggior parte della ghiandola tiroidea e della sintesi ormonale insufficiente lasciata da cellule non affette. La riduzione del livello ormonale (ipotiroidismo) è la tipica sintomatologia:

  • stanchezza cronica;
  • aumento significativo di peso;
  • ipotermia (bassa temperatura) e gonfiore;
  • caratteristiche facciali grossolane;
  • difetti di dizione, lentezza e sonnolenza;
  • insuccessi nel ciclo mestruale, segni di libido e infertilità.

Trattamento di tiroidite autoimmune, farmaci

Diagnosi della malattia mediante palpazione e esame ecografico della tiroide. Deviazioni di natura grave sono espresse dalle difficoltà di deglutizione e respirazione causate dalla compressione degli organi adiacenti. In termini di sangue, si notano cambiamenti dovuti a reazioni infiammatorie nel tessuto tiroideo. I parametri dell'immunogramma aiutano a determinare il livello aumentato o diminuito di ormoni. Criterio per la diagnosi - aumento del livello e aggressività degli anticorpi nella tiroide - AT-TPO.

La maggior parte della sintomatologia è tipica di vari processi patologici che non si intersecano con l'AIT, pertanto viene eseguita un'adeguata diagnosi differenziale.

Non esiste uno schema chiaro di trattamento della tiroidite autoimmune. L'effetto terapeutico è mirato al sollievo dei sintomi della malattia a seconda della fase della corrente - tireotossica o ipotiroide. comprende:

  1. Terapia ormonale sostitutiva
  2. La terapia è la funzione ormonale soppressiva della tiroide.
  3. Con un forte aumento del corpo - intervento chirurgico.

In AIT con segni di ipotiroidismo, viene prescritta una terapia conservativa con il farmaco "Levotiroxina", "Mercazolil", "Tiamazol" e adrenalina "Alfa-adrenobloccanti", finalizzata alla risoluzione ormonale.

Se il processo ha un decorso acuto, vengono aggiunte preparazioni di glucocorticosteroidi - ad esempio, "Prednisolone". I farmaci antinfiammatori non steroidei, Voltaren, Indomethacin e altri sono prescritti per ridurre l'aggressività degli anticorpi ai tessuti tiroidei.

AIT - trattamento di Endonorm

Il complesso terapeutico include il trattamento della tiroidite autoimmune di Endonorm. Viene prescritto un farmaco per ridurre l'attacco di anticorpi e reintegrare macro e microelementi dei tessuti tiroidei. Gli integratori omeopatici, che fanno parte del farmaco, aiutano a ripristinare le ghiandole surrenali e le ghiandole del sistema riproduttivo colpite da squilibrio ormonale.

Così sono i preparativi degli adattogeni che aiutano l'organismo ad adattarsi agli effetti dannosi, ai complessi vitaminici e alla terapia immunomodulante.

La cosa più terribile che ci si può aspettare dalla tiroidite autoimmune è lo sviluppo di processi autoimmuni diffusi in vari organi e sistemi del corpo che testimoniano una lesione profonda del sistema endocrino.

Possibili conseguenze

Gli effetti della tiroidite autoimmune sono rari e in quei casi in cui non è stato eseguito alcun trattamento adeguato.

  • Tra i pazienti adulti, i disturbi mentali causati da una sindrome depressiva possono progredire. Per manifestare una sindrome di declino e sottosviluppo dell'intelletto. Sviluppo di malattie cardiache e vascolari.
  • Nell'infanzia, manifesta sottosviluppo degli organi del sistema riproduttivo, un ritardo nello sviluppo mentale e mentale, fino all'idiozia e al nannismo pituitario (nanismo).
  • Le conseguenze della tiroidite autoimmune nelle donne in gravidanza possono provocare segni di gestosi, insufficienza placentare e interruzione prematura della gravidanza.

La tiroidite autoimmune non può essere completamente curata. Il paziente dovrà dipendere da una terapia di mantenimento permanente per tutta la vita. Diagnosi tempestiva e trattamento adeguatamente selezionato, assicurano una vita piena ed eliminano possibili complicazioni. Conserverà le funzioni di figlia e l'attività fisica, contribuirà a ottenere una remissione a lungo termine ea lungo termine per molti anni.

interessante

Le informazioni sono fornite a scopo informativo e di riferimento, un medico professionista dovrebbe prescrivere una diagnosi e prescrivere un trattamento. Non automedicare. | | Contattaci | Pubblicità | © 2018 Medic-Attention.com - Salute online
La copia di materiali è vietata. Sito editoriale - info @ medic-attention.com