• Decodifica dei test online: urina, sangue, generale e biochimica.
  • Cosa significano i batteri e le inclusioni nell'analisi delle urine?
  • Come capire l'analisi del bambino?
  • Caratteristiche dell'analisi RM
  • Test speciali, ECG e ultrasuoni
  • Tassi di gravidanza e valori di varianza ..
Spiegazione delle analisi

Aterosclerosi dei vasi cerebrali: sintomi e trattamento, cause

Questo tipo di malattia è anche chiamato "aterosclerosi cerebrale". È lei che è responsabile dello sfondo su cui si sviluppa l'ictus ischemico in età matura e anziana, ci sono "microinsulti" o attacchi ischemici transitori.

Ma, a parte queste gravi malattie, l'aterosclerosi può, a lungo, cambiare la personalità di una persona anziana e portarla alla demenza.

Cos'è? L'aterosclerosi dei vasi cerebrali è una malattia a lungo termine dei vasi cerebrali (solo il segmento arterioso), a seguito della quale il colesterolo e alcune altre lipoproteine ​​sotto forma di placche si depositano sulla parete interna dei vasi cerebrali (sull'intima). Queste placche intravascolari sono chiamate ateromi.

Aterosclerosi dei vasi cerebrali

Di conseguenza, il lume della nave si restringe gradualmente ei tessuti del cervello, che sono riempiti di sangue da questa nave, iniziano a sperimentare il digiuno cronico, che porta alla comparsa dei sintomi della malattia.

L'aterosclerosi è pericolosa in qualsiasi luogo: nelle arterie degli arti inferiori, può causare improvvise trombosi e cancrena, nei vasi coronarici del cuore è il precursore dell'infarto.

contenuto

Cause dell'aterosclerosi cerebrale

All'aterosclerosi cerebrale non ci sono ragioni particolari, dal momento che questa malattia ha una natura sistemica e provoca comuni a qualsiasi localizzazione. Includono:

  • Fallimento nello strato vascolare interno - endotelio. Può essere una lesione ereditaria o autoimmune;
  • La teoria del virus. L'endotelio delle arterie è affetto da infezioni (infezione erpetica, mononucleosi);
  • Teoria genetica Nel caso dello sviluppo della dislipidemia familiare ereditaria e di un'aumentata incidenza di infarto e ictus.

Ci sono anche clamidia, monoclonale, autoimmune, ormonale e molte altre teorie sull'insorgenza dell'aterosclerosi. Ma molto più importante delle semplici ragioni sono i fattori di rischio che possono predisporre a trasformarsi in una malattia.

I fattori di rischio con comprovati effetti sullo sviluppo dell'aterosclerosi cerebrale includono:

  • Esperienza di fumare a lungo termine;
  • Elevato colesterolo (colesterolo), calcolato per sesso ed età;
  • Ipertensione o ipertensione sintomatica. Il fattore principale è la pressione sanguigna sopra 140 \ 90 mm Hg. Articolo;
    obesità e sovrappeso;
  • Diabete mellito, in particolare insulino-dipendente o tipo 1 , ipotiroidismo.

Oltre a questi fattori di rischio, l'ipodynamia, lo stress cronico e la nutrizione sono importanti.

Nelle donne, lo sviluppo dell'aterosclerosi cerebrale porta all'oppressione della funzione ovarica nel periodo postmenopausale.

Sintomi dell'arteria aterosclerotica cerebrale

Sintomi dell'arteria aterosclerotica cerebrale

Possiamo condizionalmente dividere il corso della malattia in diversi periodi:

  • La fase iniziale in cui la capacità lavorativa e la socievolezza di una persona sono preservate e i segni della malattia sono rivelati sotto forma di reclami individuali;
  • Progressione dei disturbi. Questa fase è caratterizzata dalla comparsa di una o più sindromi principali, ad esempio atassia, sintomi neurologici disseminati, sindrome pseudobulbare;
  • Decompensazione della fase, che è caratterizzata dallo sviluppo della demenza aterosclerotica e dall'incapacità di servire se stessi nella vita di tutti i giorni.

Sintomi e segni di aterosclerosi del muschio sono molto diversi, si incontrano decine di diverse malattie e possono anche apparire in persone sane con sovraccarico nervoso. Pertanto, i sintomi devono necessariamente essere verificati mediante test, volti a trovare l'esaurimento dei meccanismi di memoria e attenzione.

Pertanto, i sintomi dell'aterosclerosi della cozza di testa includono:

  1. Manifestazioni asteniche: aumento della fatica, letargia, diminuzione dell'efficienza, specialmente nell'esecuzione del lavoro mentale;
  2. Disturbi dell'insonnia: sonnolenza durante il giorno, insonnia notturna o frequenti risvegli e incapacità di dormire la sera, così come difficoltà nel risveglio mattutino nelle fasi precedenti;
  3. Disturbi vestibolopatici: rumore e ronzio nella testa e nelle orecchie, frequenti attacchi di vertigini;
  4. Sindrome cefalgica: ci sono una varietà di localizzazione e intensità del mal di testa, che sono provocati da stress mentale, cambiamenti climatici, esperienza emotiva. Questi dolori non raggiungono mai un'intensità elevata, come per la meningite o l'emicrania, ma possono ridurre la qualità della vita per un tempo considerevole;
  5. La memoria e l'attenzione sono ridotte. C'è una diminuzione della memoria per gli eventi attuali con la conservazione della memoria a lungo termine e l'attenzione si esaurisce rapidamente;
  6. Stato depressivo Il paziente sperimenta insoddisfazione, quindi irritabilità. Diventa chiuso, ipocrita, irrequieto, ansioso.

Il decorso della malattia si alterna con esacerbazioni e remissioni: dopo il riposo, la maggior parte dei sintomi passa.

Con un'ulteriore progressione dell'aterosclerosi compaiono vari sintomi neurologici e le lamentele diventano permanenti: compare un tremore della testa e delle dita, l'andatura cambia: diventa strascicata, ricorda l'andatura di un paziente con Parkinsonismo.

C'è masticare sulle labbra, indistinguibilità della parola, difficoltà nel ricordare i nomi di parole e oggetti, nomi di parenti e amici. C'è sordità, cecità o diminuzione dell'acuità visiva, cataratta.

Poi si uniscono i cambiamenti nella personalità dei pazienti: il cerchio degli interessi si restringe, smette di interessarsi agli affari correnti, a comunicare con gli amici, a leggere libri, a discutere di fatti interessanti e può starsene seduto per giorni, guardando fuori dalla finestra.

Segni di aterosclerosi cerebrale

Poi arriva l'impoverimento emotivo: il paziente, per esempio, può trattare la morte di un amico intimo in modo completamente indifferente, ma fa i capricci su una zuppa insipida.

Di regola, in questa fase, i disturbi del sonno acquisiscono un carattere persistente: un paziente può camminare nella sua stanza per ore e ore e dormire tutto il giorno.

Il personaggio cambia: la persona diventa riservata, insignificante, sospettosa. Dalla famiglia e dagli amici nascondono cose completamente inutili.

Poi, il disturbo dell'andatura progredisce, la coordinazione dei movimenti e le capacità motorie delle braccia vengono interrotte. Il paziente incontra difficoltà nell'uso delle posate.

In questo contesto, possono comparire sintomi neurologici focali, sotto forma di disturbi del linguaggio transitori, intorpidimento degli arti o comparsa di debolezza. Con la scomparsa dei sintomi durante il giorno, si parla di attacchi ischemici transitori, cioè "micro-ictus reversibili".

Nel caso in cui la sintomatologia neurologica fosse persistente e irreversibile, allora parlano dello sviluppo dell'ictus ischemico sullo sfondo dell'aterosclerosi cerebrale.

Il terzo stadio scompensato è caratterizzato dalla disinibizione di molti riflessi, che nello stato normale sono frenati dall'effetto inibitorio della corteccia cerebrale. Questi includono il riflesso della proboscide, il riflesso di Rossolimo e molti altri che sono caratteristici degli anziani.

I pazienti diventano disordinati con urina e feci, golosi, a volte aggressivi, smettono di riconoscere gli altri. A poco a poco hanno bisogno di cure, fino all'alimentazione da un cucchiaio. La disintegrazione della personalità si sposta gradualmente a un livello somatico.

Spesso la morte di tali pazienti avviene "senza motivo apparente". Infatti, la stitichezza cronica, l'autointossicazione dell'intestino porta alla sua paresi, e stare a letto per diversi giorni porta allo sviluppo di polmonite ipostatica. Tutti insieme causano la morte dei pazienti, se indeboliscono il controllo e li lasciano andare a letto.

Trattamento di aterosclerosi dei vasi del muschio della testa

Trattamento di aterosclerosi dei vasi del muschio della testa

Per non diventare vittima di una tale triste progressione, è necessario prendere misure tempestive per il trattamento dell'aterosclerosi del muschio della testa. Sono costituiti da tre "balene" principali di uguale importanza:

  1. Terapia non farmacologica;
  2. Ricevimento di medicine;
  3. Trattamento operativo

Consideriamo questi metodi in serie.

Terapie non farmacologiche

Sono molto importanti nella fase iniziale, con sintomi completamente reversibili e un basso livello di colesterolo. Portano a una piena consapevolezza dei compiti del paziente, devono essere eseguiti fino alla fine della vita, spesso indicano un cambiamento completo nello stile di vita del paziente e richiedono una rigorosa autodisciplina.

Pertanto, con tutti gli effetti positivi, le raccomandazioni mediche spesso non vengono implementate perché l'autocontrollo e l'autodisciplina sono le più difficili da realizzare.

Tuttavia, per sconfiggere la malattia è necessario:

  • Rifiutarsi completamente dal fumo;
  • Bere alcolici solo sotto forma di vino secco, moderatamente, non più di 150 ml al giorno;
  • Cambiare la potenza. La dieta "contro il colesterolo" è ricca di oli vegetali insaturi, fibre, frutti di mare ed è conosciuta come "mediterranea". Dai prodotti da forno si consiglia di macinare grossolanamente, pane raffermo, con rifiuto di cottura. Dovresti mangiare molta frutta e verdura di qualità e limitare l'assunzione di grassi animali. Da prodotti affumicati, salsicce, prodotti in scatola, formaggi di varietà invecchiate dovrebbero essere completamente abbandonati;
  • È necessario condurre uno stile di vita attivo, muoversi, nuotare, visitare il sole;
  • È necessario normalizzare il peso corporeo, "rimuovere i chili in eccesso" e metterli in linea con la crescita;
  • È necessario rispettare il regime del sonno e dormire quanto chiede il corpo.

Queste misure, accuratamente eseguite per 3 mesi, danno un notevole abbassamento del livello di colesterolo e un miglioramento del benessere.

medicazione

Trattamento medico di aterosclerosi, farmaci

droga colestiramina

Trattamento dell'aterosclerosi cerebrovascolare con farmaci appartenenti a classi diverse:

  • Aspirina e altri disaggregati: ridurre la possibilità di un coagulo di sangue sulla placca, riducendo il rischio di ictus;
  • Farmaci ipocolesterolemici (Chestestramamina, Clopidogrel, Ticlopidina, Zokor, Liprimar, Leskol, Krestor). In relazione a diversi gruppi, nominati da un medico sotto il controllo di indicatori biochimici, vengono presi per un lungo periodo e riducono in modo affidabile il rischio di complicanze vascolari;
  • Acidi grassi insaturi (Omakor, Lipostabil);
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei (migliorano l'endotelio trofico e prevengono l'insorgenza della formazione della placca);
  • Preparati nootropici e vitaminici migliorano le capacità mentali;
  • I preparativi per migliorare la microcircolazione stimolano la nutrizione nelle parti interessate del cervello. Questi includono pentossifillina, Trental, Cavinton.

Trattamento operativo

È mostrato nella grave stenosi delle grandi arterie brachiocefaliche, il più delle volte con occlusione dell'arteria carotide interna da trombi dell'80% o più, con il rischio di separazione. L'endarterectomia viene eseguita con il ripristino del flusso sanguigno e possibili protesi.

L'aterosclerosi cerebrale dei vasi cerebrali, il cui trattamento è stato descritto, può essere fermata con successo in qualsiasi fase del suo sviluppo prima che si manifesti come complicanze.

Complicazioni di aterosclerosi

Come accennato in precedenza, la scelta delle catastrofi è un ictus di piccole dimensioni: ischemico o emorragico. Il rischio di ischemia è molto più alto della rottura di una nave colpita da placche. Pertanto, l'ictus ischemico è una conseguenza diretta dell'aterosclerosi e la prevenzione dell'ictus ischemico coincide direttamente con il trattamento dell'aterosclerosi dei vasi cerebrali, da tutti i punti.

Dato che l'ictus termina con segni di disabilità nell'85% dei casi, è necessario assumere un trattamento responsabile per l'aterosclerosi cerebrale.

prevenzione

La manutenzione preventiva di una malattia coincide completamente con non le modalità mediche di cura di atherosclerosis cerebrale. Se inizi a usarli nella loro giovinezza, prima delle "prime campane", puoi dire con certezza: l'ictus e la demenza senile non ti minacceranno.

In conclusione, va detto che l'aterosclerosi dei vasi cerebrali, i sintomi e il trattamento di cui abbiamo preso in considerazione, è la causa della morte di persone di età avanzata nei paesi sviluppati ed è una "malattia della civiltà". Va ricordato che fino ai 45 anni non può manifestarsi affatto.

È fino a questa età e devi iniziare a litigare con lui in modo che non ti prenda alla sprovvista in età adulta.

interessante

Le informazioni sono fornite a scopo informativo e di riferimento, un medico professionista dovrebbe prescrivere una diagnosi e prescrivere un trattamento. Non automedicare. | | Contattaci | Pubblicità | © 2018 Medic-Attention.com - Salute online
La copia di materiali è vietata. Sito editoriale - info @ medic-attention.com